Controlla le tue pratiche online

Controlla le tue pratiche online

Web Mail

Indirizzo email

Password


Dario D'Alessio & Partners
                 avvocati

Studio di Nocera Inferiore
via G. Nicotera, 51 - 84014
Tel: 0815177980 - 0815173275 - 081920833
Fax: 0819210076

Studio di Salerno
via Luigi Guercio, 150 - 84127
Tel: 089 790908
Fax: 089 799588
P.IVA: 02600120659

 

News legali

NUOVA PARTNERSHIPRisultati immagini per pro-fire.ORG LOGOleader in sicurezza antincendio

PRO-FIRE HA SCELTO: dalessio&partners -avvocati-

Grazie al nuovo accordo con http://www.pro-fire.org, i professionisti antincendio potranno da oggi avvalersi della consulenza dello studio a condizioni agevolate per servizi di difesa giudiziaria sia in sede civile che penale.

La convenzione è attiva su tutto il territorio nazionale.

---------------------------------

02/10/2015 CASSAZIONE: Caos fiscale, esimente facile (Italia Oggi)

ITALIA OGGI

La Cassazione ha accolto il ricorso di una società che aveva percepito benefici

Caos fiscale, esimente facile

Niente sanzioni se le risoluzioni sono contrastanti

Più facile usufruire dell'esimente per l'incertezza normativa fiscale. Il contribuente non deve corrispondere le sanzioni quando le risoluzioni dell'Agenzia delle entrate sono poco chiare e contrastanti fra loro.

È quanto affermato dalla Corte di cassazione che, con la sentenza n. 19412 del 30 settembre 2015, ha accolto il quarto motivo presentato da una società che aveva usufruito della detrazione fiscale in occasione di alcuni sconti praticati ai clienti.

La sezione tributaria ha preso una posizione netta decidendo nel merito la causa e togliendo le sanzioni al contribuente tacciato di aver indebitamente percepito il beneficio fiscale.

In particolare, ad avviso degli Ermellini, la valutazione della obiettiva incertezza sulla portata applicativa della norma tributaria, non deve essere riferita al dubbio soggettivo prospettato dall'interpellante, o ancora alla valutazione di incertezza effettuata dalla Agenzia fiscale interpellata, e dunque a circostanze fattuali suscettibili di variare in relazione alle diverse fattispecie concrete dedotte in giudizio, ma sussiste errore esimente, determinato dalla incertezza normativa, proprio per non sconfinare nell'arbitrio interpretativo dei singoli contribuenti o degli Uffici finanziari, soltanto quando la disciplina normativa da applicare si articoli in una pluralità di prescrizioni, con un coordinamento concettualmente difficoltoso per equivocità di contenuto, derivante da elementi positivi di confusione, il cui onere di allegazione grava sul contribuente, e che deve dare luogo ad insicurezza del risultato interpretativo ottenuto, riferibile non già ad un contribuente generico o professionalmente qualificato o all'Ufficio finanziario, bensì al giudice, unico soggetto dell'ordinamento cui è attribuito il potere-dovere di accertare la ragionevolezza di una determinata interpretazione. Debora Alberici